Categorie
Senza categoria

I diritti umani nello Xinjian cosa dicono i media cinesi e quelli internazionali

Xinhuanet

Come parte della 40a sessione del consiglio ONU per i diritti umani si è svolta a Ginevra, lo scorso 13 marzo una riunione collaterale sulla situazione nella provincia autonoma dello Xinjiang, Cina.

Yu Jianhua, capo della missione cinese UNOG, ha detto che oggi lo Xinjiang vive una rapida crescita economica e una maggiore stabilità rispetto al passato. Tutti i gruppi etnici della regione godono di una protezione completa dei loro diritti, economici, politici, sociali, culturali, ambientali e solo per fini politici, alcuni hanno diffuso pettegolezzi e detto bugie su ciò che accade nello Xinjiang, al solo scopo di diffamare la Cina e il governo cinese. Questa gente sarà presto sbugiardata alla luce dei fatti che sono sotto gli occhi di tutti: prosperità, sviluppo, stabilità e unità.

Yu ha poi difeso la scelta del governo locale di istituire centri obbligatori di istruzione e formazione professionale. “L’istruzione e formazione professionale nei centri dello Xinjiang sono la scelta opportuna”, il diplomatico cinese ha sottolineato che la cina non permetterà mai che il terrorismo e l’estremismo trascinino lo Xinjiang nel caos.

Un certo numero di diplomatici stranieri che ha recentemente visitato lo Xinjiang erano presenti all’evento, tra cui il rappresentante permanente per l’UNOG Pedro Luis Pedroso Cuesta, il rappresentante permanente aggiunto al UNOG il russo Nikita Zhukov, e per la Bielorussia il rappresentante permanente aggiunto al UNOG Vadim Pisarevich. Questi hannno riferito al pubblico quello che loro hanno visto e sentito nello Xinjian e tutti hanno confermato la prosperità e la stabilità raggiunta nella regione.

The Guardian

Jeremy Hunt, ministro degli esteri britannico, ha riferito al parlamento che i diplomatici britannici che hanno visitato lo Xinjiang hanno confermato che le notizie sull’esistenza di campi di detenzione per gli Uiguri musulmani sono “vere”.

 

La Repubblica

Legalizzati i campi di “rieducazione” per i musulmani

PECHINO, CINA

Da ieri è legge. Nello Xinjiang, la regione autonoma a minoranza musulmana all’estremo Ovest della Cina, le autorità devono creare «centri di educazione e trasformazione» degli individui sospettati di estremismo. È la sistematizzazione di quella che l’Onu considera una campagna di rieducazione forzata che viola i diritti umani degli uiguri e delle altre etnie islamiche. Oltre un milione di persone sarebbero state internate in maniera arbitraria e sottoposte a un lavaggio del cervello a base di amore per il Partito, spesso solo perché frequentatori della moschea.

AFP news

Beijing (AFP) Secondo un ricercatore olandese che ha scoperto un database online, una società di spionaggio cinese ha compilato un database di 2,6 milioni di persone residenti nella regione dello Xinjiang. I dati contenuti vanno dalla loro origine etnica alla loro geolocalizzazione.

Lo Xinjian ospita la maggior parte degli Uighur della Cina e dopo le violenze del 2009 è stata posta sotto stretta sorveglianza da parte del governo.

Secondo l’ONU circa un milione di Uiguri sono internati in campi di concentramento e rieducazione.

AP associated Press

La Turchia chiede urgentemente alla Cina di rispettare i diritti degli Uiguri e di chiudere i campi di concentramento.

 

 

2 risposte su “I diritti umani nello Xinjian cosa dicono i media cinesi e quelli internazionali”

Mentre si parla di via della seta, supporto che qualcuno menzioni a Xi i diritti umani nello Xinjiang, nel Tibet, e parli di libertà religiosa e dei dissidenti scomparsi nel nulla

"Mi piace"

Mentre si parla di via della seta, spero che qualcuno menzioni a Xi i diritti umani nello Xinjiang, nel Tibet, e parli di libertà religiosa e dei dissidenti scomparsi nel nulla

"Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.